Questo sito web utilizza cookie.
Questo sito web utilizza cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando e utilizzando il sito si acconsente all'uso dei cookie. Per gestire, disabilitare o eliminare i cookie, accedere alle impostazioni del browser. Per saperne di più sull'informativa sui cookie.
Accetta Cookies
FAQ
Domande Frequenti
In questa sezione è possibile trovare le risposte ad una serie di domande frequenti che riguardano diversi argomenti di carattere generale, amministrativo e tecnico. La sezione viene costantemente aggiornata con i nuovi quesiti posti dai soci. 
  • Come si accede all'area riservata del sito?
    È necessario comunicare in Cooperativa l’indirizzo e-mail da utilizzare per il login; La password da utilizzare per il primo accesso è il numero di socio preceduto da uno o più zeri fino ad arrivare ad un totale di 5 cifre; A seguito dell’inserimento di questi dati arriva un’e-mail contenente un link per la modifica obbligatoria password (qualora ci fossero problemi nella ricezione dell’e-mail vi invitiamo a verificare che i filtri di gestione della posta non l’abbiano indirizzata nella cartella “spam” o “posta indesiderata”); Con la nuova password e l’indirizzo e-mail registrato si accede all’area riservata per la consultazione del libretto, dei propri dati personali e dell’alloggio in assegnazione, nonché la modulistica.
  • Come si diventa soci?
    Per diventare socio della cooperativa edificatrice GIUSEPPE DOZZA occorre presentarsi presso gli uffici della stessa negli orari di ricevimento al pubblico per compilare l’apposita domanda. Alla domanda deve essere allegata copia della carta d’identità o del passaporto non scaduti e copia del codice fiscale; se cittadino di nazione non facente parte dell'Unione Europea, copia del permesso o della carta di soggiorno non scaduti ovvero, se in scadenza, copia della domanda di rinnovo. L’ammontare da versare all’atto dell’iscrizione è di Euro 100,00 (Euro 26,00 di capitale sociale e Euro 74,00 di contributo associativo).
  • Come recedere da socio
    Il recesso deve essere comunicato alla Cooperativa esclusivamente dal socio con comunicazione a mano; spetta al Consiglio di Amministrazione, entro sessanta giorni dalla comunicazione di recesso, verificare se ricorrano i motivi che, a norma di Legge o di Statuto, legittimino la richiesta. I soci recessi hanno diritto al rimborso da parte della Cooperativa del valore delle quote sottoscritte non rivalutate. La liquidazione di tali importi avrà luogo sulla base dell’esercizio nel quale si è verificato lo scioglimento del rapporto Sociale. La liquidazione non comprende anche il rimborso del contributo associativo. Il rimborso deve essere effettuato entro 6 mesi dall'approvazione del bilancio stesso. Le quote per le quali non sarà richiesto rimborso entro il termine di 12 mesi, saranno devolute con deliberazione del Consiglio di Amministrazione alla riserva legale. (art.11 Statuto)
  • Cosa fare se voglio apportare modifiche o migliorie all'alloggio?
    I regolamenti della Cooperativa consentono che il socio possa apportare all’alloggio che ha in assegnazione delle modifiche o migliorie. In prima istanza il Socio deve rapportarsi con il Comitato di Gestione del proprio insediamento, in quale è in grado di fornire le prime indicazioni in materia di autorizzazione, le eventuali prescrizioni previste e le delibere assembleari già esistenti nell’insediamento; se la richiesta del Socio coinvolge la collettività dei Soci di un fabbricato, è prioritario che la scelta sia fatta collegialmente nel corso di un’assemblea dell’insediamento; solo successivamente all’esito favorevole della stessa, si procederà a richiedere autorizzazione all’Ufficio Tecnico della Cooperativa. Se, a differenza del precedente caso, la miglioria o modifica riguarda il solo Socio attributario richiedente, la richiesta scritta deve essere presentata al Comitato di Gestione dell’insediamento, che esprime parere preventivo ed all’ufficio tecnico della Cooperativa il quale, valutato il parere del Comitato di Gestione stesso, provvede a rilasciare l’autorizzazione scritta. Copia dell’autorizzazione è sempre inoltrata al Comitato di Gestione, il quale deve essere messo a conoscenza che in un determinato alloggio si effettueranno dei lavori e che gli stessi sono stati regolarmente autorizzati. Rammentiamo inoltre che, in nessun caso, saranno autorizzate modifiche o migliorie che dovessero recare pregiudizio ad altri alloggi o al fabbricato, che siano in contrasto con le norme di concessione edificatoria o altro titolo abilitativo o con le delibere assembleari assunte dall'assemblea dei Soci.
  • Cosa fare se voglio ospitare qualcuno?
    Sono diverse le procedure che si possono seguire per richiedere l’ospitalità ed ognuna dipende dalle diverse esigenze del socio: - Ospitalità temporanea: qualora si intenda accogliere nell’alloggio una persona per un periodo di tempo limitato senza la necessità che l’ospite prenda la residenza nell’appartamento, occorre farne richiesta alla cooperativa tramite un apposito modello (che si trova anche sul sito della Cooperativa) allegando la carta d’identità della persona da ospitare. Questo tipo di ospitalità proprio per il suo carattere di temporaneità ha valenza un anno, dopo di che il socio assegnatario può inoltrare nuova domanda di ospitalità se del caso; - Ospitalità con residenza: nel caso il socio assegnatario intenda fare richiesta di ospitare una persona facendole prendere la residenza nell’alloggio a lui assegnato dovrà inoltrare la domanda col modello predisposto allegando alla domanda il certificato ipotecario di impossidenza dell’ospite (al fine di poter verificare la sua impossidenza). Una volta che il Consiglio di Amministrazione autorizzi tale ospitalità non vi sarà alcun termine di scadenza dell’autorizzazione; - Ospitalità more-uxorio: se il socio assegnatario intende costituire una coppia di fatto facendo prendere la residenza nell’alloggio al proprio compagno o compagna occorre inoltrare domanda col modello predisposto allegando alla domanda il certificato ipotecario di impossidenza dell’ospite (al fine di poter verificare la sua impossidenza). Una volta che il Consiglio di Amministrazione autorizzi tale ospitalità non vi sarà alcun termine di scadenza dell’autorizzazione, dopo due anni dall’autorizzazione la persona ospitata acquisisce il diritto di poter subentrare nell’alloggio in caso di decesso del socio assegnatario (reg. n.1 art.24). Le ospitalità di tipo temporaneo oppure con residenza non attivano nessun tipo di diritto di subentro nell’alloggio da parte della persona ospitata nel caso di decesso del socio assegnatario. Una volta inoltrata la domanda di ospitalità, il Consiglio di Amministrazione prende in esame i requisiti pervisti per autorizzarla tenendo in considerazione i vani utili dell’alloggio del socio assegnatario per evitare che si vengano a creare situazioni di sovrautilizzo. Dopo la delibera di autorizzazione del Consiglio, l’ufficio soci manda la comunicazione di autorizzazione ad ospitare sia al socio richiedente che al Comitato di Gestione dell’insediamento. In considerazione del fatto che le casistiche che prevedono una richiesta di ospitalità sono le più svariate è in ogni modo consigliabile confrontarsi prima con l’ufficio soci per capire quale tipo di ospitalità richiedere e quali siano i documenti da portare e le responsabilità che si vengono a creare mediante l’accoglienza nell’alloggio assegnato di una persona.
  • Obblighi del socio
    Il Socio, all’atto dell’ammissione alla Società, è tenuto: a) a sottoscrivere e versare la quota sociale sottoscritta; b) versare un contributo iniziale associativo per l’importo deliberato dal Consiglio di Amministrazione; c) all’osservanza dello Statuto, dei Regolamenti, e delle deliberazioni validamente adottate dagli Organi Sociali; d) i Soci che hanno avuto alloggi in attribuzione dalla Cooperativa dovranno inoltre pagare puntualmente le quote delle spese generali e le somme dovute come corrispettivo del godimento dell’alloggio loro concesso, le quote delle spese di gestione dell’insediamento ed ogni altra somma derivante da obbligazione assunta come attributari di alloggi; e) comunicare tempestivamente alla Cooperativa tutte le variazioni che sopravvengono nella consistenza e configurazione del nucleo di persone viventi nell’alloggio, sempre salvo il potere di controllo da parte della Cooperativa stessa; f) comunicare alla Cooperativa tutte le variazioni del proprio domicilio, residenza o stabile recapito, a mezzo comunicazione scritta; g) informarsi presso la sede della Cooperativa sui programmi aperti in corso di attuazione e su ogni altra deliberazione, regolamento e notizia di interesse generale e particolare del socio cooperatore. Il Consiglio di Amministrazione potrà comunque usare qualunque forma di pubblicità diretta a meglio diffondere fra i Soci cooperatori e la cittadinanza notizie sui programmi della Cooperativa; h) eleggere domicilio presso la sede della Cooperativa per tutti i rapporti con la Cooperativa stessa connessi e conseguenti al presente Statuto, ad eccezione di quelli per i quali diversamente disposto dallo Statuto medesimo.
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Registrando il tuo indirizzo di posta elettronica riceverai la nostra newsletter per restare informato sulle attività della Cooperativa.